giovedì 2 agosto 2007

Nuovo sistema operativo?

Da ormai più di 6 mesi è disponibile l'ultimo sistema operativo della Microsoft, Windows Vista. Provo a pensare a 3 categorie di utenti: i patiti dell'ultima novità (l'avranno già installato e in uso da fine gennaio, se non prima...), quelli che meditano attentamente prima di aggiornare perché sanno che vanno incontro a cambiamenti -che non sempre giustificano il costo- e forse a un decremento di prestazione, a parità di computer), quelli che non aggiornano mai... finché sono obbligati a cambiare il computer.

Ho avuto l'occasione di provare Windows Vista alcuni mesi fa e ho potuto verificare i requisiti di memoria: a seconda delle versioni di Vista, si passa dai 512 Mega a 1 Giga di RAM (è quanto riporta anche il sito Microsoft, ma come sappiamo i requisiti sono sempre il minimo...). Proprio al minimo, perché usando un computer con 2 Giga di RAM, osservando l'utilizzo di memoria RAM, senza nessuna applicazione avviata, salvo il sistema operativo, risultava un utilizzo del 50% circa di RAM!

Tra l'altro, per conoscere quanta RAM è in uso, possiamo usare il Task Manager (tasto estro sulla barra delle applicazioni e clic su Task Manager, oppure premere CTRL+MAIU+ESC). Nel Task Manager cliccando su Prestazioni abbiamo le indicazioni
relative anche all'uso della memoria).
Quindi direi che convengano senza alcun dubbio 2 Giga di RAM. Riguardo all'aggiornamento del sistema operativo, devo dire che conosco poche realtà lavorative in cui è presente Windows Vista, se non altro per la ragione che dicevo prima: serve un computer con molta RAM e un processore piuttosto potente, perciò non consiglierei di aggiornare un computer con sistema operativo precedente, tipo Windows XP, a Windows Vista, perché probabilmente ci troveremo con un sistema più lento di prima. E forse non è ciò a cui aspiriamo. Quelli che conosco che utilizzano Windows Vista hanno comprato da poco un computer, che viene ormai venduto con Windows Vista, salvo a cercare appositamente un sistema operativo precedente o a comprare un computer assemblato. I cambiamenti nell'interfaccia ci sono, avremo modo di parlarne nei prossimi post.

A margine, aggiungerei che questo cambiamento continuo di sistemi operativi e applicativi del pacchetto Office non ci aiuta... Ogni volta ci tocca di apprendere nuovi comandi per ottenere, alla fin fine, funzionalità che avevamo già imparato e che nel nuovo sistema sono cambiate. Nei prossimi post, come ho già cominciato a fare, cercherò di dare sempre indicazioni per le diverse versioni, quando le procedure cambiano significativamente da una versione all'altra.

2 commenti:

Maria Lucia Ercole ha detto...

Carissimo Emanuele(ancora sul lavoro? anch'io parto la prox. settimana..) il tasto che tocchi è molto importante : la realtà purtroppo, per chi come me si trova nella condizione di dover cambiare il portatile, ci sono poche alternative..: tutti i notebook che ho visionato ormai installano Vista e quindi...Attendo dal feed ultriori tue note e buone vacanze!
Maria Lucia Ercole

emanuele ha detto...

anch'io ho appena cambiato computer (fisso)... e perciò ho le mani su Vista: devo dire che la prima impressione, con un pc "sufficientemente potente", come dicevo, è buona. usare office2007 richiede di andare alla caccia delle funzioni che prima potevo elencare a memoria agli allievi... e ora mi richiedono un po' di ricerche... ma devo dire che non mi dispiace. anche se potevo tranquillamente continuare a usare office2003. per questo accade che gli uffici e le aziende siano più indietro tecnologicamente della Microsoft: finché non cambi pc, non cambi il sistema che funziona... nei prossimi post cerchero' di toccare aspetti relativi a Vista e a Office2007. Ma le vacanze sono vicine... :-) A presto, Maria Lucia! Emanuele